giovedì 29 gennaio 2015

La panna da cucina fatta in casa

Mi mancano tanto i pacchettini di panna da cucina che potevo tenere in dispensa, e usare quando volevo. Solo qui mi sono accorta di tante piccole cose che facevano parte della mia vita di tutti i giorni, ma non importa, credo che l'essenziale sia capire quanto le si ha apprezzate, anche se in ritardo.
Se tornassi in Italia sarebbero quasi fatti d'oro, questi pacchettini in tetrapak che probabilmente tanti criticano.
Ribadisco che questa e' una tipica condizione di noi expat che distiamo piu' di 20 ore di volo dall'Italia, che non torniamo ogni anno, che sognamo anche questo.
Quindi non ve la prendete se ci va bene anche la pasta Barilla, se compriamo alcuni prodotti Nestle', se sognamo piccoli tetrapak... cercate di comprendere cio' che rappresentano per noi.

E adesso passiamo alla ricetta :)
PROCEDIMENTO
per una dose minima

100ml di latte fresco rigorosamente a temperatura ambiente
100ml di olio di semi*
un pizzico di sale fino

*mi e' capitato di farlo anche con l'olio di oliva ed extravergine, e a me piace lo stesso.

Puo' sembrare un procedimento semplicissimo, ma senza un paio di giusti accorgimenti puo' 'impazzire' come la maionese. Il latte dev'essere arrivato a temperatura ambiente, senno' puo' dividersi dall'olio e non montare.
Nel boccale del minipimer versare olio latte e sale, e azionare una frullata breve alla volta, fino a raggungere una consistenza semi-cremosa. Non arriverete mai alla crema pannosa vera e propria, e se frullerete troppo i 2 elementi si divideranno, e la panna impazzira' :)

Si conserva in frigorifero fino a 3 giorni.

Ciao piccolo pacchettino di panna di ricordi ^_*

martedì 27 gennaio 2015

La libreria di Clovelly Road

Solo in una comunita' civile e rispettosa si possono realizzare piccoli grandi progetti che con la volonta' di tutti aiutano il quartiere a diventare unico, ad avere un'impronta.
Tutte le volte che passavo su Clovelly road in macchina addocchiavo quella che mi sembrava un piccola casetta alveare da lontano. 
E cosi' per mesi! 
Un pomeriggio mi sono decisa e ho detto a Roberto: ferma la macchina! A lui e' preso un colpo, e mi chiede: cos'e' successo?! E io: voglio vedere la cassettina! E lui: Quale cassettina?

Parcheggiamo e scendiamo.
I soliti 10 minuti di attesa perche' mia figlia, nel pieno della pre-adolescenza, ogni santa volta, sta ascoltando musica, non si toglie le cuffie e comincia a guardarci in cagnesco dicendo: "Ragazzi pero' eh! Almeno mi avvisate se dobbiamo fare soste?"
Ormai siamo diventati i "ragazzi" e dobbiamo avvisarla prima di fare ogni sosta.
Segue srotolamento delle cuffiette, apertura della borsa, incastro di oggetti tipo occhiali da sole, caramelle ecc. mentre io soffro in silenzio.
Finalmente scende dalla macchina e ci segue con sguardo alla "sopportiamoli".
Attraversiamo la strada e la cassettina e' sempre piu' a fuoco... ed eccola! Una piccola libreria gratuita :) Chiunque puo' prendere un libro oppure lasciarne uno che non vuole piu'.
Non si trovano capolavori letterari ovviamente, ma l'idea che mi piace e' quella della civilta'. Non ho mai visto questa cassettina piena, cio' significa che in modo garbato, chi la trova gia' completa non aggiunge altri libri ne' li lascia in terra. Senza contare che e' sempre estremamente pulita, sia sul tettino che sulla parte in cui si deve aprire. Probabilmente qualcuno nelle case vicino se ne occupa.

Non meno importante e' che questa libreria nasconde dietro di se' un panorama mozzafiato.


lunedì 19 gennaio 2015

Dolce Mandy

Oggi e' un giorno speciale... Mandy ha avuto i cuccioli! Era una giornata caldissima, quasi soffocante, ma sono arrivati. Brava piccola❤

venerdì 16 gennaio 2015

Il dragon fruit

Mio marito mi ha fatto una sorpresa la scorsa settimana, visto che da quando siamo arrivati qui non ho mai trovato un dragon fruit dalla polpa bianca... quando arrivano i nuovi carichi dal Vietnam sul mercato, nel giro di pochi giorni sono gia' spariti, ma e' riuscito a prendermene uno!
Ho aspettato un giorno prima di aprirlo, ero proprio curiosa di vedere se questa volta la fortuna era dalla mia parte... possibile che ho trovato sempre e solo quelli con la polpa porpora? L'ho lavato sotto acqua corrente, ho preso il mio miglior coltello e... bianco *o* Come vedete e' facilissimo togliere la buccia. Si puo' tagliare e servire in tantissimi modi, ma io ho preferito i quadratini, mi ricordano dei piccoli dadi da gioco :)
Vi consiglio di consumarlo fresco, il sapore ne guadagna. E' profumato di fiori esotici... e non ricorda assolutamente il fico d'india, neanche come consistenza. E' morbido, piacevole... ma non mi ha fatto impazzire diciamo, devo dire pero' che ha davvero il suo fascino super esotico.                     Voto: 7+    

lunedì 12 gennaio 2015

Un compleanno dall'altra parte del mondo

HALF MOON BAY
Il 5 dicembre scorso e' stato il compleanno di mio marito. Volevo organizzare qualcosa di speciale stavolta, perche' i due anni precedenti per vari motivi non era stato possibile festeggiare come si deve, ma questa volta era davvero importante.
Abitiamo in un punto molto particolare della penisola, e' una lingua di terra che da un lato offre la Nuova Zelanda piu' all'avventura, e dall'altro la costa con le barche, lo Yacht Club e alcuni caffe' e ristorantini.
Essendo venerdì sera non volevo trascinare la famiglia ad Auckland City, volevo fosse una serata tranquilla, e la Marina era la scelta migliore.
15 minuti a piedi da casa nostra nella natura, tra ponticelli bianchi e casette. L'aria fresca della sera e le barche facevano da cornice romantica, e io credo che Half Moon Bay sia davvero una caramellina!
Con la complicita' di mia figlia avevo chiesto a Roberto di fare una passeggiata e poi di cenare a casa, percio' non immaginava che avevo prenotato in un ristorante giapponese che non aveva mai notato! Infatti, dopo aver concluso il nostro giro ho fatto finta di dirigermi alla macchina, e sono entrata di colpo al ristorante (che dall'esterno ha vetrate a specchio) e lui si guardava intorno perso come dire... ma dove siamo finiti, che cosa stiamo facendo? 
Il nostro tavolo ci aspettava, e avendo prenotato una settimana prima avevamo anche la vista mare. Questo ristorante non e' sicuramente dei piu' belli di Auckland, ma e' conosciuto per la freschezza degli ingredienti e la bravura, la velocita' e la gentilezza degli chef e dello staff. Ecco perche' l'ho scelto.
Mio marito, ancora incredulo, ha preso delle ostriche freschissime e del sake'.
Viviana, sempre minimalista e pura, del sashimi di salmone 
Io ho scelto gyoza e tempura di verdure, erano cucinati ad arte... 
Da bere ho ordinato una San Pellegrino che non concedo mai dato che offrono sempre l'acqua gratuitamente, ma era un'occasione speciale. Non vi dico che meraviglia i cubetti di ghiaccio: quadratissimi! No, non si notano, peccato :<
Poi avevo ordinato del tonkatsu per tutti, che giustamente non sono riuscita a fotografare perche' stavo per dare il regalo a mio marito e Viviana mi parlava in farfallese per non farsi capire... vabe'... e la foto del salmone infatti mi e' venuta mossissima, forse per via dei calcettini sotto tavolo come dire: diamogli il regalo diamogli il regalo?

Insomma, questo regalo alla fine e' stato dato, anche se Roberto credeva fosse la cena di per se'! Lui ha sempre voluto una stilografica Parker, e... ecco, devo dire che quel momento ce lo ricorderemo, perche' coronava un po' i nostri primi 2 anni qui in Nuova Zelanda.

Quindi concludo questo articolo un po' personale augurandoti ancora il meglio amore, che si realizzi tutto quello che desideri


venerdì 9 gennaio 2015

Ultimi momenti in questa casa...

Si avvicina sempre di piu' il fatidico giorno del trasloco, e invece di sentirmi carica sono sempre piu' stanca e sonnolente.
Sabato c'erano i saldi del 60% e ho regalato le lenzuola nuove a mia figlia... ormai non e' piu' bambina e non riuscivo a vedere tutto quel rosa, quei fiorellini nel suo letto, volevo avesse la possibilita' di dormire in un letto da grande. Sono riuscita a trovare queste bellissime lenzuola in tema marino, e con i saldi ho fatto una faccia felice guardando lo scontrino! Ovviamente mi ha fatto notare che avrebbe dovuto sceglierle lei, ma io ho insistito perche' si era impuntata su di una fantasia psichedelica, con colori che creavano un effetto visivo di pulsazione... a quel punto mi sono impuntata io perche' andare a letto in quelle lenzuola significava mettersi in uno stato d'animo di agitazione! Ma a chi viene in mente di creare biancheria da letto con colori complementari?
Comunque... le stanze ormai sono pronte ad essere impacchettate e inscatolate, e andra' fatta l'ultima pulizia generale, con le ultime forze che mi rimarranno.
La cosa che mi manchera' tantissimo di questa casa e' il sistema di aspirazione. Quant'e' facile e comodo pulire qui! Voglio mostrarvi questo sistema perche' sinceramente non l'avevo mai visto. C'e' una piccola stanzina intera solo per 'lui', l'aspirapolvere, e chiudendola rimane tutto molto ordinato. 

Ed al primo e al secondo piano queste piccole botole per inserire il bocchettone. Potevo aspirare tranquillamente tutte le scale vista la lunghezza del tubo flessibile. 
Una qualita' dei kiwi e' l'estrema praticita', il semplificarsi continuamente la vita, in casa, nel lavoro, a scuola... burocraticamente! Tutto e' pensato per essere il piu' veloce e semplice possibile. Praticamente il contrario di noi italiani. Purtroppo dovro' tornare al mio vecchio aspirapolvere nero e pesantissimo, perche' la nuova casa e' molto meno tecnologica, ma ha grandissimi pregi... avro' occasione di parlarvene tra pochissimo!

Una cosa stranissima... nell'elenco delle cose da fare l'agenzia mi ha scritto di rimuovere ragni, insetti e nidi... mumble mumble... al momento non vedo strani bozzoli di gremlins in giro, ma come faccio a eliminare i miei adorati ragnetti :( ?

                               - 12 giorni!


martedì 6 gennaio 2015

Giornate canicolari

Fa veramente caldo... quando comincio ad avere voglia di bere l'acqua del cocco giovane capisco che in Nuova Zelanda e' arrivata l'estate.
Sono gli ultimi momenti che trascorreremo in questa casa e sto passando molto tempo sul terrazzo.
C'e' pace... silenzio... gli uccelli sono silenziosi e si sentono solo le cicale.
Come famiglia non siamo abituati a uscire durante le ore piu' calde della giornata, preferiamo la frescura del mattino, o l'aria tiepida del tardo pomeriggio.
La citta' non e' mai vuota. essendoci il mare e le spiagge quasi ovunque, non molti partono per le vacanze.
Cio' che mi piace dell'atmosfera estiva, e' lo stato generale di quiete. E' bello potersi concedere di fermarsi. Verso sera si va al mare, qualche volta in piscina... le giornate scorrono serenamente. 
I lavori per il trasloco stanno procedendo abbastanza bene.
Quindi non mi resta che godermela...

E bere la mia passione, il cocco giovane.
Un giorno vi parlero' di questo stupendo regalo della natura!

giovedì 1 gennaio 2015

Prime gite ed un'estate infuocata

Dopo la rovente estate italiana 2012, siamo arrivati qui a Novembre, in un'estate eccezionale per la Nuova Zelanda, secca e bollente!
2 estati di fila :) i colori dell'erba e del mare erano incredibili, l'aria sempre fresca, e abbiamo fatto tantissime gite.
La seconda piu' importante e' stata questa nel North Shore, sulla Kaipara Coast non troppo distante da Auckland. Una passeggiata di 1 ora a piedi immersa nel verde tra sculture create da artisti neozelandesi da soli materiali da riciclo.
Mai visto cosi' tanto verde e fiori in estate...
Ed era tutto a nostra disposizione.
Prima del giardino delle sculture abbiamo fatto un picnic alle piccole cascate di Kaupakapaka, molto suggestive e immerse nella foresta.
Poi Roberto, come suo solito, ci ha costrette a camminare su un sentiero inesistente rischiando la vita, ma questa e' una storia gia' sentita e raccontata ._. si e' convinto di tornare indietro quando mi ha visto appesa al tronco di un albero in orizzontale con un piede completamente nel fango e lo sguardo che chiedeva: basta, per favore...

Sempre la solita galleria spero non troppo pedante :)


Questa scultura mi ricordava l'idea di famiglia :)
Indipendentemente dal numero dei membri.
Buon Inizio dell'anno 2015