martedì 27 gennaio 2015

La libreria di Clovelly Road

Solo in una comunita' civile e rispettosa si possono realizzare piccoli grandi progetti che con la volonta' di tutti aiutano il quartiere a diventare unico, ad avere un'impronta.
Tutte le volte che passavo su Clovelly road in macchina addocchiavo quella che mi sembrava un piccola casetta alveare da lontano. 
E cosi' per mesi! 
Un pomeriggio mi sono decisa e ho detto a Roberto: ferma la macchina! A lui e' preso un colpo, e mi chiede: cos'e' successo?! E io: voglio vedere la cassettina! E lui: Quale cassettina?

Parcheggiamo e scendiamo.
I soliti 10 minuti di attesa perche' mia figlia, nel pieno della pre-adolescenza, ogni santa volta, sta ascoltando musica, non si toglie le cuffie e comincia a guardarci in cagnesco dicendo: "Ragazzi pero' eh! Almeno mi avvisate se dobbiamo fare soste?"
Ormai siamo diventati i "ragazzi" e dobbiamo avvisarla prima di fare ogni sosta.
Segue srotolamento delle cuffiette, apertura della borsa, incastro di oggetti tipo occhiali da sole, caramelle ecc. mentre io soffro in silenzio.
Finalmente scende dalla macchina e ci segue con sguardo alla "sopportiamoli".
Attraversiamo la strada e la cassettina e' sempre piu' a fuoco... ed eccola! Una piccola libreria gratuita :) Chiunque puo' prendere un libro oppure lasciarne uno che non vuole piu'.
Non si trovano capolavori letterari ovviamente, ma l'idea che mi piace e' quella della civilta'. Non ho mai visto questa cassettina piena, cio' significa che in modo garbato, chi la trova gia' completa non aggiunge altri libri ne' li lascia in terra. Senza contare che e' sempre estremamente pulita, sia sul tettino che sulla parte in cui si deve aprire. Probabilmente qualcuno nelle case vicino se ne occupa.

Non meno importante e' che questa libreria nasconde dietro di se' un panorama mozzafiato.